mercoledì 7 luglio 2010

Facciamo il nocino

Stasera facciamo il nocino.

Ingredienti prima variante:
da 21 a 35 noci verdi (al max fino a riempire il vaso)
500 g di zucchero
1 l di alcool a 95°
aromi vari: 1 stecca di cannella, 2 chiodi di garofano, 5/10 chicchi di caffè

Ingredienti seconda variante:
da 33 a 35 noci verdi (secondo la grandezza delle noci)
1000 g di zucchero
1 l di alcool a 95°
aromi vari: 2 stecche di cannella, 7 chiodi di garofano, scorza di 2 limoni bio (da prelevare col pelapatate facendo attenzione a non utilizzare anche la parte bianca che è amara), 1 stecca di vaniglia (incidere la bacca a metà per il lungo)


Occorrente:
guanti di lattice o gomma
tagliere e coltello
vaso di vetro con chiusura (controllate che riesca a contenere tutti gli ingredienti, circa 3l di capienza)

La differenza tra le due ricette è notevole, come potete notare, la seconda è molto più aromatica e dolce, la prima è più pura e richiama quella tradizionale, quindi quello che possiamo dire è provatele e vedete quella che vi piace di più, non possiamo dire che una è più buona dell'altra (gustibus non est disputandum), nulla poi vieta di mischiarle e trovare la propria ricetta di famiglia, no?!?

Le noci vanno raccolte prima che inizino a 'fare il legno', sono verdi e una volta aperte si presentano ancora morbide e verdi chiare.



La tradizione prevede che il nocino vada fatto il 24 giugno, ma le noci ormai sono molti anni che maturano prima, quindi abbiamo deciso di raccoglierle stasera, abbiamo a disposizione 2 ricette collaudate, quindi le proveremo entrambe e metteremo a confronto i risultati (naturalmente utilizzando cavie inconsapevoli e opportunamente bendate).


Ora indossiamo i guanti, perché le noci macchiano moltissimo anche la pelle e le unghie.






Laviamo le noci e le tagliamo in 4 parti (naturalmente elimineremo quelle con ospite indesiderato).



Mettiamo tutte le noci tagliate nel vaso di vetro e aggiungiamo lo zucchero e gli aromi scelti
e copriamo con l'alcool...per 2^ variante anche vaniglia e scorza limone...


A questo punto avete due possibilità, o la mettete al sole (prima versione) o in una stanza al buio (seconda versione), comunque dovrete continuare a muovere il vaso quasi giornalmente per mescolare gli ingredienti ed evitare che lo zucchero si solidifichi prima di sciogliersi.

Passata l'estate dovrete solo filtrarlo e imbottigliarlo, e ricordate di mettere sulle bottiglie l'anno del vostro nocino, più invecchia più diventa buono e anche se eventualmente sa ancora di verde maturando migliorerà sicuramente.
E' una fantastica idea per i regali natalizi, giocate con le bottigliette e personalizzatele, sarà sicuramente gradito.

PS Quando filtrerete il nocino non buttate via le noci, le potete usare per fare il secondo nocino, come fare? Ve lo faremo vedere!!

1 commento:

  1. come potete vedere è molto + semplice di quanto si possa immaginare!
    E' una vera soddisfazione offrire e regalare agli amici e parenti qualcosa di autoprodotto e poi, ovviamente, le ricette son ultracollaudate!! :D

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...