mercoledì 24 luglio 2013

Ricettina per i muffin alle pere


Chi ha un'orticello o qualche albero da frutto lo sa quale soddisfazione danno i primi frutti!
In questo caso son le prime dolcissime pere, ma maturan un po' in fretta...e allora ecco la ricetta di Lorena per i muffin alle pere!

E' senza zucchero e senza uova, per dolcificare c'è il malto, un po' di farina di cocco, e naturalmente le pere, una ricetta sana e soprattutto buonissima.

Questi muffin son perfetti per la colazione o da gustare assieme alle amiche accompagnati da un buon té! :)


Ingredienti:
3 tazze di farina (in questo caso abbiam usato 1/2 grani antichi, 1/2 riso, 1e1/2 tipo 0)
1 tazza di cocco
80g di olio di mais
150g di malto di riso
1 bustina di cremor tartaro
acqua qb
pere a piacere

Il procedimento é semplicissimo, mettete insieme tutto facendo la pastella e in ultimo aggiungete le pere, a me piace aggiungerne un bel po', potete sia tagliarle a cubetti (se volete che rimangano più croccanti) che a fettine, insomma, via agli esperimenti.
Naturalmente per i tipi di farina usate quella che volete, l'importante è non usare mai la 00, evitatela sempre, che di alimenti troppo raffinati non abbiam bisogno! ;)

5 commenti:

  1. gnammmmm!!! appena le pere saran mature è una ricettina sicuramente da provare! ottima per la merenda dei bimbi!!! grazie per l'idea! ciao ciao

    RispondiElimina
  2. sono sempre io ....perchè la 0 si e la 00 no?
    non è la stessa cosa? e fatemi capire un'altra cosina....cos'è la "grani antichi"? e poi il malto di riso dove lo si trova? ma se invece del malto si usa lo zucchero di canna non dovrebbe essere poco raffinato anche quello? sapete neh che io sono quella delle mille domande...grazie x i chiarimenti...ne farò tesoro! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora..cercò di spiegarmi, poi qualcun'altra mi corriggerà ;)
      La 00 è una farina molto raffinata, quindi meglio evitarla e preferire 0 o la 1, ancora meno raffinata (che sia integrale e non con aggiunta di crusca)
      I grani antichi sono appunto grani riscoperti, tipo kamut, che risultano più digeribili e sono meno raffinati.
      Il malto lo trovi in erboristeria o nei negozi di alimentazione naturale, e non è la stessa cosa dello zucchero di canna, ma puoi provare cmq
      Visto che la spiegazione sarebbe lunga magari facciamo a rate ;)

      Elimina
    2. Concordo pienamente con la spiegazione di Monica,
      aggiungo solo che il malto è consigliato perchè ha un rilascio lento degli zuccheri perciò lascia all'organismo gli zuccheri necessari per un lasso di tempo più lungo ed inoltre non alza l'indice glicemico in modo netto.
      Per quanto riguarda i grani antichi moltissimi sono gli studi che stanno dimostrando che questi grani, avendo meno glutine, creano meno episodi di intolleranze alimentari oltre a fornire maggiori sali minerali e fibre. Inoltre da studi dell'Università di Bologna è risultata da una ricerca che le persone che hanno fatto uso di pane con grani antichi per 10 settimane avevano livelli di colesterole più basso rispetto al campione di controllo.
      E ancora tante altre sono le proprietà, ma non sto qua a dilungarmi..ciao
      Lorena

      Elimina
    3. maddai...ma quante cose! grazie, grazie mille! ne farò tesoro, ma sicuro che vi chiederò ancora altro (ad esempio...se ho un ricetta con lo zucchero, come faccio a sapere il valore corrispondente di malto?)
      ma ad esempio...io ho sempre preso (quando riesco, vabbè) quella bio macina a pietra pur sempre qualcosa no?? Grazie mille per i vs.PREZIOSISSIMI consigli!
      ciao ciao

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...